Nel recupero della 2a di ritorno l’Olimpia vola a Gioia del Colle per ritrovare la vetta

I ragazzi di Spanakis si stanno dirigendo in Puglia, alla volta di Gioia del Colle, partita in atto domani alle 20.30 al Pala Capurso

Un team, quello pugliese, che sta facendo un po’fatica causa qualche problema fisico, ma sicuramente competitivo tra le mura di casa, in grado di esprimere una pallavolo di alto livello. Recentemente hanno acquistato il centrale Usai che viene impiegato titolare da coach Passaro, le sconfitte recenti contro Piacenza e Ortona hanno complicato la corsa della Gioiella al quarto posto e ai play off. Attualmente occupano l’ottava posizione con 26 punti.

Quest’anno Gioia si presenta con una rosa rinnovata rispetto la scorsa stagione, già vista nella partita di andata quando l’Olimpia si impose per 3-1 di fronte al premiato pubblico del Pala Agnelli, con i due schiacciatori stranieri a rappresentarne il punto di forza, coordinati dall’esperto regista Kindgard.

L’opposto si chiama Prolingheuer Marvin, approda all’ombra del castello federiciano dopo essersi affermato, nella scorsa stagione, come terzo best scorer della Bundesliga, tra le fila della SWD Powervolleys Düren.

Il gigante di Münster (210 cm di altezza), classe ’90, alla sua prima avventura in Italia, si porta con sé un bagaglio di esperienze importanti, maturate tutte nella propria terra di origine, nominato anche miglior atleta emergente della Bundesliga.

 Radziuk e Margutti con Sideri sono le bande principali, Margutti lo ricordiamo a Brescia tra i protagonisti della scorsa stagione, mentre Radziuk arriva da tre stagioni nella massima serie Bielorussa, migliore schiacciatore nella Cev Volleyball Silver European League del 2018 e terzo migliore realizzatore, con 150 punti, nella Cev Volleyball European League del 2015. Nel 2014/15 miglior giocatore del Campionato kazako con il Taraz Volley. Tra il 2009 e il 2014 ha ottenuto due titoli come miglior schiacciatore e uno da Mvp in Bielorussia con la maglia dello Stroitel Minsk.

 

 L’Olimpia Bergamo si presenta con la collaudata diagonale Garnica-Romanò e Cristofaletti con Cogliati. In posto 4 Spanakis porta Tiozzo e l’ucraino Shavrak, integrati dal pugliese Sette e Gritti, giovane bergamasco. Al centro Cargioli con l’ex Erati lo scorso anno protagonista a Gioia,coadiuvati da Cioffi e Marzorati. Il reparto liberi con Innocenti e Franzoni, saranno a Gioia per riuscire in una buona performance e riprendersi il primo posto recuperando la seconda giornata di ritorno.

 

Parola all’ex di turno Alex Erati: “Gioia non sta passando un bel momento, però è una squadra che soprattutto in casa riesce ad essere insidiosa ed esprimersi al meglio. Hanno un pubblico caloroso e non sarà sicuramente una partita facile. Hanno nell’opposto tedesco e nello schiacciatore Radziuk  i due terminali principali in attacco. Noi veniamo da due tie break consecutivi in campionato e questa partita sarà fondamentale perché vogliamo tornare in vetta alla classifica.

Per me sarà un’emozione tornare a giocare a Gioia, dove ho lasciato tanti bei ricordi e dove ho vissuto una stagione sportiva molto intensa che mi ha fatto crescere molto.”

 

Si prospetta una sfida di alto livello visti i precedenti delle due squadre,  dove ogni punto può già essere indicativo di un possibile posizionamento in vista dei play off, alla quale le due formazioni ambiscono esserne protagoniste e ripeterne la qualificazione della passata stagione.

Linda Stevanato-Ufficio stampa Olimpia Bergamo

Condividi!

Seguici su